LU.ME. in persona. Intervista a Alessandro Paolinelli di Rotork

16 novembre 2017

Se avessi una macchina del tempo, in quale momento della tua vita vorresti tornare o andare?
Tornerei alla scelta della scuola. A volte uno non gli dà tutta quell’importanza, sbagliando. Io per esempio studierei di più l’inglese. Sono peccati di gioventù ai quali sarebbe bello poter rimediare.

Ti hanno mai ringraziato per qualcosa che hai fatto/detto, come l’essere stato d’esempio per qualche atteggiamento o azione?
Mi è capitato, sì. Se mi prefiggo un obiettivo riesco a raggiungerlo, sono abbastanza focalizzato.

C’è qualcuno nella tua vita che devi ringraziare per esserti stato d’esempio o per averti aiutato in qualche modo?
Sicuramente i genitori in primis, mio padre ha avuto diverse esperienze lavorative e mi ha aiutato molto. Lui era per l’università, io no, però una volta che ha digerito la mia scelta mi ha dato una grande mano.

Qual è la prima cosa che fai quando rientri a casa dopo il lavoro?
Prima quando stavo coi genitori mi rilassavo, mi davo agli hobby sportivi. Ora che da 3 anni vivo da solo, la prima cosa faccio è bricolage, giardinaggio o sistemo casa.

Qual è la prima cosa che fai appena entri in ufficio?
Accendo il telefono aziendale e guardo le email.

Hai mai fatto parte di qualche gruppo o organizzazione? (Musica, sport, volontariato) o ti piacerebbe farne parte?
In famiglia sono tutti nel volontariato, per esperienze mie ho deciso di non intraprenderlo, forse non avrei il carattere per sopportare certe scene. Faccio parte di un’associazione sportiva di calcio.

L’ultima fotografia che hai fatto?
Non sono un grande amante delle foto. L’ultima è una foto al compleanno di mia cognata, un selfie con lei per festeggiarla.

Ci sono amici nella tua vita che ti porti dietro da quando eri bambino? O ci sono amici di quando eri bambino che ti è dispiaciuto perdere per strada?
I miei migliori amici lavorano tutti e due qui, per una serie di congiunzioni favorevoli. Ce ne sarebbe un altro, un amico e anche vicino di casa con il quale siamo diventati compagni di scuola, che però ho perso da qualche anno per via del lavoro. Si è trasferito all’estero.

Se dovessi fare un augurio al mondo, quale sarebbe?
Per come si vede la situazione mi piacerebbe un po’ più di serenità.

Conosci il progetto LU.ME.?
Sì, uso la tessera con gli sconti da Pittarello che è il più gettonato e anni fa ho vinto anche i biglietti dei Comics.

Lascia un commento

Devi essere registrato per postare un commento.